AUTOMOBILE: di fronte al rischio di violenza, un esperto delle Nazioni Unite chiede moderazione e responsabilità



“Qualsiasi attore politico che ha esercitato o ha intenzione di esercitare un alto incarico alla guida della CAR, compresa la suprema magistratura, deve dimostrarsi capace di mettere l'interesse della gente davanti ai suoi stessi interessi; questo requisito non è negoziabile ", ha detto Agbetse martedì in una nota.

"Qualsiasi tentativo di ostacolare la marcia del Paese verso la pace espresso fortemente dal popolo della Repubblica Centrafricana al Forum Bangui nel 2015 e durante le consultazioni nazionali nel 2019 come parte dell'Accordo di pace di Khartum è un tradimento del popolo che aspira solo a godere dei suoi diritti ", ha avvertito l'esperto indipendente.

Ha aggiunto che "chiunque agisca contro l'esercizio dei diritti e delle libertà fondamentali da parte del popolo della Repubblica Centrafricana è esposto a sanzioni internazionali, anche dinanzi al Tribunale penale internazionale".

I membri del governo dei gruppi armati devono rispettare l'accordo di pace

Agbetse ha sottolineato che "tutti i capi dei gruppi armati" che sono diventati ministri grazie all'accordo di pace firmato lo scorso anno nella capitale sudanese o integrato nell'apparato statale "devono esercitare un dovere di diligenza ". Un dovere che li obbliga a rispettare le leggi repubblicane e ad astenersi da qualsiasi azione incompatibile con i loro impegni previsti dall'accordo.

Ai sensi dell'articolo 5 dell'accordo di pace, l'esperto delle Nazioni Unite ha chiesto ai gruppi armati di "porre fine immediatamente, in modo completo e irrevocabile a tutte le ostilità e alle forme di violenza" mentre si impegnano a fare. da fare.

"Mentre la Repubblica centrafricana si trova ad affrontare la pandemia di Covid-19 con conseguenze potenzialmente catastrofiche e il sistema elettorale per le prossime elezioni presidenziali è tutt'altro che in atto, le attuali tensioni probabilmente mineranno gli sforzi che hanno è già stata intrapresa e la legittima speranza di pace per la popolazione ", ha avvertito Agbetse. Ha invitato le autorità centrafricane a rispettare le norme e gli standard internazionali applicabili agli arresti, detenzione preventiva, processi equi ed equi e privazione della libertà e ad evitare il ricorso a detenzione arbitraria, sparizioni forzate, tortura e altre pene o trattamenti crudeli, disumani o degradanti.

"Esorto i paesi vicini e i partner internazionali della Repubblica centrafricana ad agire come operatori di pace accompagnando la Repubblica centrafricana a elezioni trasparenti e ad astenersi da qualsiasi azione o omissione che possa mettere a repentaglio il processo elettorale e precipitare nuovamente il paese nel caos ", ha detto l'esperto, che ha anche invitato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ad adottare misure di emergenza e" di inviare un messaggio forte agli attori centrafricani perché i rischi di un'irruzione nel la violenza è reale ".

NOTA:

I relatori speciali fanno parte delle cosiddette procedure speciali del Consiglio dei diritti umani. Procedure speciali, il più grande organo di esperti indipendenti nel sistema dei diritti umani delle Nazioni Unite, è il nome generale per i meccanismi indipendenti di indagine e monitoraggio del Consiglio che affrontano situazioni specifiche per paese o domande tematiche in tutte le regioni del mondo. Esperti di procedure speciali lavorano su base volontaria; non fanno parte del personale delle Nazioni Unite e non ricevono uno stipendio per il loro lavoro. Sono indipendenti da qualsiasi governo o organizzazione e lavorano su base individuale.

Il rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite è un avvocato indipendente per la prevenzione e l'eliminazione di tutte le forme di violenza contro i bambini.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui