Coronavirus: OMS preoccupato per la carenza di dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari



“Il mondo sta affrontando gravi perturbazioni nel mercato dei dispositivi di protezione individuale. La domanda è fino a 100 volte superiore al normale e i prezzi sono fino a 20 volte superiori ", ha dichiarato il dott. Tedros durante un briefing stampa a Ginevra venerdì.

"Questa situazione è stata esacerbata dall'uso diffuso e inappropriato di dispositivi di protezione individuale al di fuori della cura del paziente", ha aggiunto.

Il Dr. Tedros ha chiarito che le scorte sono ora esaurite e gli arretrati di 4-6 mesi. Le scorte globali di maschere e respiratori sono ora insufficienti per soddisfare le esigenze dell'OMS e dei suoi partner.

"L'OMS stima che i soccorritori di emergenza sanitaria primaria globale avranno bisogno del 7-10% circa della capacità del mercato. Questa percentuale potrebbe essere più alta per altre forniture essenziali ", ha detto.

"Gli operatori sanitari di prima linea in Cina hanno bisogno della maggior parte dei dispositivi di protezione individuale", ha affermato.

Il dott. Tedros ha dichiarato di aver incontrato la rete della catena di approvvigionamento della pandemia venerdì pomeriggio, che comprende produttori, distributori e fornitori di servizi logistici, per garantire che le forniture i dispositivi di protezione individuale raggiungono chi ne ha bisogno.

Ha anche confermato che l'OMS sta inviando kit di screening, maschere, guanti, respiratori e abiti nei paesi di tutte le regioni.

Nella sua ultima valutazione del nuovo coronavirus, il direttore generale dell'OMS ha affermato che il 7 febbraio, alle 6:00, ora di Ginevra, in Cina erano stati identificati 31.211 casi noti di nuovo coronavirus, tra cui 637 mortali. Ci sono anche 270 casi confermati in 24 paesi, incluso un decesso.

Da seguire.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui