Covid-19: Michelle Bachelet sollecita gli stati a includere le persone con disabilità



L'OHCHR ha pubblicato una nota orientativa per gli Stati sul nuovo coronavirus e sui diritti umani delle persone con disabilità.

Secondo l'Alta Commissione, durante questo periodo della pandemia di Covid-19, le persone con disabilità sono a rischio nelle loro case, dove l'accesso a servizi e assistenza giornalieri può essere limitato a causa del parto. "E alcuni potrebbero soffrire molto di essere isolati o confinati", ha affermato l'Alta Commissaria Michelle Bachelet, citata in una dichiarazione.

"Le persone con disabilità sono ancora più a rischio nelle istituzioni perché le strutture sanitarie hanno registrato alti tassi di mortalità dopo Covid-19", ha affermato Bachelet, osservando nel passare questi "racconti orribili di abbandono durante la pandemia ”.

Per i servizi della signora Bachelet, è quindi giunto il momento di supportare i sistemi comunitari, per quanto possibile. Ricordiamo che questi problemi non sono insolubili, ma soprattutto richiedono che "vengano prese misure specifiche o che vengano fatte eccezioni per evitare ulteriori danni".

Le persone con disabilità sono sproporzionatamente colpite dal contenimento

In generale, le persone con disabilità non solo affrontano maggiori rischi a causa di Covid-19, ma sono particolarmente colpite "in modo sproporzionato da misure di risposta, compreso il parto". Per far fronte a questo doppio rischio, la signora Bachelet ha chiesto di coinvolgere le persone con disabilità nella risposta a Covid-19 e di adattare i piani per soddisfare le loro esigenze.

Inoltre, l'Alto Commissario ha anche affrontato la discriminazione e la stigmatizzazione delle persone con disabilità durante la pandemia di Covid-19.

"Sono stato profondamente turbato dalle notizie secondo cui la vita delle persone con disabilità potrebbe in qualche modo avere un peso diverso da quella degli altri durante questa pandemia", ha detto.

Bachelet ha affermato che le decisioni mediche dovrebbero basarsi su "valutazioni cliniche personalizzate e bisogni medici, non sull'età o su altre caratteristiche come la disabilità".

A un altro livello, l'Alto Commissario ha sostenuto che le informazioni su Covid-19 dovrebbero essere disponibili in formati accessibili alle persone con disabilità, nonché l'accesso all'istruzione online.

Le linee guida pubblicate dall'Alto Commissario identificano le principali preoccupazioni e definiscono le azioni chiave nel contesto della pandemia. Mirano a sensibilizzare sull'impatto della pandemia sulle persone con disabilità e sui loro diritti. Si tratta anche di identificare le azioni chiave per gli stati e di fornire risorse per approfondire le conoscenze su come garantire risposte basate sui diritti a Covid-19 che includano le persone con disabilità.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui