Covid-19: tre modi per aiutare l'Africa a combattere la pandemia



La Commissione economica per l'Africa delle Nazioni Unite (UNECA) ha pubblicato un elenco di tre modi in cui i paesi più sviluppati del mondo possono aiutare il continente a combattere la nuova pandemia di coronavirus.

Secondo l'ECA, "questa è una crisi globale, ma l'Africa ne risentirà maggiormente, con un costo economico pesante e duraturo, che minaccerà i progressi, peggiorerà le disparità e peggiorerà le debolezze".

supporto

La Commissione afferma che i paesi africani "si stanno preparando per i peggiori effetti di questa pandemia", ma hanno bisogno di aiuto per prepararsi alla crisi sanitaria e alle sue conseguenze economiche.

Le misure adottate in Asia, Europa e Nord America, come la distanza fisica e il lavaggio regolare delle mani, rappresenteranno una sfida particolare per i paesi con connettività Internet limitata, popolazione densa, accesso disuguale a acqua e reti di sicurezza sociale limitate.

A causa di queste difficoltà, l'ECA offre tre azioni per le 20 maggiori economie del mondo, il G20.

1. Supporto per una risposta immediata e umana

I leader del G20 devono sostenere e incoraggiare l'apertura di corridoi commerciali, in particolare per i prodotti farmaceutici e altre forniture sanitarie, nonché sostenere la modernizzazione delle infrastrutture sanitarie e fornire sostegno diretto alle strutture esistenti.

Secondo l'ECA, ciò consentirà ai paesi di concentrarsi il più possibile sulla prevenzione e di iniziare a costruire strutture di trattamento.

Il sostegno dovrebbe essere fornito anche all'Organizzazione mondiale della sanità, all'OMS, al Fondo globale, alla Global Vaccine Alliance (Gavi) e ad altri partner.

Questi paesi dovrebbero inoltre sostenere campagne di sanità pubblica e l'accesso alle informazioni. Un'opzione è quella di collaborare con il settore privato per migliorare la connettività Internet, consentendo alle attività economiche di continuare durante le misure di allontanamento sociale e supportando la condivisione delle informazioni.

2. Approvazione immediata di un piano di ripresa economica di emergenza

Secondo la commissione delle Nazioni Unite, i leader del G20 dovrebbero annunciare 100 miliardi di dollari per finanziare la risposta immediata in settori come la salute, la sicurezza sociale, l'alimentazione dei bambini fuori dalla scuola e la protezione del lavoro. Finora sono stati promessi $ 50 miliardi.

L'ECA afferma che, in proporzione alle dimensioni di queste economie, questa cifra è coerente con la spesa promessa in altre regioni. Si prevede inoltre che il pacchetto includa una sospensione di tutti i pagamenti di interessi sui debiti nazionali, stimati a $ 44 miliardi entro il 2020.

Questo sostegno dovrebbe essere fornito con prevedibilità, trasparenza e responsabilità in modo che i ministri delle finanze possano pianificare in modo efficace e che la società civile possa seguire questi movimenti e garantire che vengano utilizzati per sostenere coloro che ne hanno maggiormente bisogno.

3. Attuare misure di emergenza per proteggere 30 milioni di posti di lavoro, principalmente nei settori del turismo e dell'aviazione

Anche le misure di sostegno per le importazioni e le esportazioni agricole, il settore farmaceutico e il settore bancario dovrebbero essere approvate. Una linea estesa di programmi di credito e rifinanziamento può contribuire a fornire liquidità durante l'anno.

Secondo l'ECA, questa disponibilità finanziaria è importante affinché il settore privato possa continuare a funzionare, comprese le piccole e medie imprese che dipendono dal commercio.

Infine, i piani di stimolo nazionali e regionali dovrebbero includere misure a sostegno delle imprese africane, consentendo la sospensione di vari tipi di pagamenti, incluso il debito.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui