Di fronte al G20, il capo delle Nazioni Unite insiste sulla solidarietà internazionale per ricostruire il mondo post-Covid



"Mentre lavoriamo insieme per uscirne, è fondamentale andare avanti in modo coordinato", ha affermato Guterres.

Ha esortato il G20 a concordare criteri oggettivi comuni per la rimozione delle restrizioni di viaggio, sulla base di prove scientifiche. Ha anche ritenuto necessario aumentare gli investimenti in sistemi e pratiche che promuovono viaggi sicuri, in stretto coordinamento con il settore privato.

Il capo delle Nazioni Unite ha chiesto di rafforzare il coordinamento delle misure preventive – in particolare l'uso più sistematico di test e tracciamento e altre azioni comprovate per prevenire la diffusione del virus e consentire un controllo efficace dei potenziali impatti di maggiore mobilità.

Ha inoltre esortato a garantire il pieno rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale sui rifugiati.

Infine, ha chiesto di concordare che i futuri vaccini saranno visti come un bene pubblico globale che sarà disponibile e accessibile ovunque.

Combattere insieme la pandemia

Il segretario generale ha detto ai ministri degli esteri del G20 che c'era spazio per migliorare la capacità di combattere insieme la pandemia. Ha anche notato una "mancanza di un'efficace solidarietà internazionale per rispondere agli impatti economici e sociali e alle vulnerabilità sottostanti esposte dalla pandemia".

"Fin dall'inizio, le Nazioni Unite hanno chiesto un massiccio sostegno globale alle persone e ai paesi più vulnerabili", ha affermato. "Abbiamo bisogno di meccanismi di solidarietà per garantire che anche il mondo in via di sviluppo tragga pieno vantaggio".

Secondo Guterres, questo include l'aumento delle risorse disponibili per le istituzioni finanziarie internazionali e fare molto di più per affrontare l'escalation della crisi del debito.

"Le soluzioni all'emergenza del debito devono includere un'estensione della Debt Service Suspension Initiative almeno fino alla fine del 2021, un ampliamento della sua portata a tutti i paesi vulnerabili, nonché un cancellazione totale del debito per alcuni paesi bisognosi ", ha detto.

"Dobbiamo trarre vantaggio dai flussi di capitali transfrontalieri per rispondere alla crisi preservando la liquidità globale, riducendo il costo delle rimesse e combattendo i flussi finanziari illeciti", ha aggiunto.

Secondo il Segretario generale, per riprendersi meglio, dobbiamo anche affrontare le disuguaglianze profonde, in particolare per quanto riguarda il genere.

"Più che mai, abbiamo bisogno di un'efficace solidarietà internazionale – e un'azione concertata del G20 – per far avanzare queste aree prioritarie e costruire un mondo più inclusivo, resiliente e sostenibile per tutti", ha concluso. .



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui