Finanziamento per lo sviluppo: le Nazioni Unite chiedono una risposta coraggiosa per ricostruire meglio l'era post-Covid-19



Gli Stati membri hanno fatto appello in un documento di consenso finale in una riunione informale del Forum del Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC) sul finanziamento dello sviluppo oggi.

"I paesi in via di sviluppo hanno bisogno di un sostegno massiccio e urgente", ha affermato il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. “Ora è il momento di adempiere al nostro impegno di non lasciare indietro nessuno. Covid-19 ha messo in evidenza le disuguaglianze e le ingiustizie globali che non possono continuare, inclusa la disuguaglianza di genere ".

Il Forum è convocato dall'ECOSOC e ospita in genere dozzine di ministri delle finanze, degli affari esteri e della cooperazione allo sviluppo di tutto il mondo, nonché capi di agenzie delle Nazioni Unite, della Banca mondiale e del Fondo monetario. internazionale (FMI).

Quest'anno, il documento finale è stato il primo degli Stati membri delle Nazioni Unite ad affrontare collettivamente le sfide di finanziamento poste dal coronavirus.

I paesi in via di sviluppo hanno bisogno di un sostegno massiccio e urgente – António Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite

“Il Covid-19 dimostra che è più importante che mai concentrarsi sull'attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile. Pertanto, questioni come la mobilitazione delle risorse, il finanziamento illecito, il debito e l'emancipazione delle donne devono essere priorità ", ha dichiarato Mona Juul, presidente dell'ECOSOC.

LEGGI ANCHE | L'UNCTAD propone un accordo globale sul debito per evitare disastri economici

“Con quantità di nuovi disoccupati, le disparità tra paesi e popoli stanno già peggiorando. Le economie più deboli non saranno in grado di recuperare senza misure immediate complete e coordinate ", ha aggiunto quello che è anche ambasciatore norvegese presso le Nazioni Unite.

Sottolineando che gli organismi multilaterali sono essenziali per rispondere a Covid-19, il segretario generale delle Nazioni Unite ha affermato che il ruolo dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è vitale nella lotta contro Covid-19 e ha affermato ha chiesto il sostegno dell'agenzia delle Nazioni Unite.

Per affrontare Covid-19, il Forum ha invitato la comunità mondiale a garantire con urgenza il flusso di forniture mediche essenziali, prodotti agricoli e altri beni e servizi oltre confine. In particolare, hanno sollecitato che le misure di emergenza messe in atto per combattere Covid-19 siano "mirate, proporzionate, trasparenti e temporanee" e che siano conformi alle norme dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC) ) e non creano inutili barriere commerciali o interrompono le catene di approvvigionamento globali.

Aiutare i paesi con sistemi sanitari deboli e proteggere i più vulnerabili

Le misure immediate necessarie per prevenire il collasso economico in seguito a Covid-19, hanno affermato gli Stati membri, dovrebbero concentrarsi su paesi in situazioni speciali, come quelli con sistemi sanitari deboli e risorse limitate per investire in questi sistemi o nella protezione sociale. Hanno detto che questi paesi devono avere un aiuto mirato, poiché avranno la sfida più grande sia per far fronte alla pandemia che per riprendersi in seguito. Hanno inoltre sottolineato che le strategie di risanamento globale dovrebbero proteggere i più vulnerabili, tenendo conto dei diritti umani.

"Per riprenderci da questa crisi, dobbiamo adottare audaci misure finanziarie a livello nazionale, e soprattutto regionale e globale", ha dichiarato Liu Zhenmin, sottosegretario generale alle Nazioni Unite per gli affari economici e sociali. "Le nostre azioni devono essere ben allineate con l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile e l'Agenda di azione di Addis Abeba per garantire che ricostruiamo meglio, in modo sostenibile e resiliente", ha aggiunto Mr. Liu, che presiede il gruppo di lavoro interistituzionale sul finanziamento dello sviluppo.

Per riprenderci da questa crisi, dobbiamo prendere audaci misure finanziarie a livello nazionale, e soprattutto regionale e globale, – Liu Zhenmin, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari economici e sociali

Secondo gli Stati membri delle Nazioni Unite, sarà fondamentale ridurre al minimo il danno economico e sociale della pandemia, ripristinare la crescita globale, mantenere la stabilità del mercato e rafforzare la resilienza.

il azioni consigliate comprendono:

• Risolvere le vulnerabilità del debito, poiché Covid-19 potrebbe aumentare significativamente il numero di paesi con indebitamento eccessivo.
• Aumentare il finanziamento agevolato, in particolare per i paesi meno sviluppati.
• Sfruttare la tecnologia e intensificare la collaborazione sui vaccini e le innovazioni dei sistemi sanitari.
• Riaffermare la determinazione a combattere i flussi finanziari illeciti.
• Garantire l'accesso ai finanziamenti per le piccole imprese, nonché per le donne, i giovani imprenditori e le persone con disabilità, colpite in modo sproporzionato da Covid-19.
• Rafforzare la risposta globale alle emergenze climatiche, sostenere la mitigazione dei cambiamenti climatici e costruire la resilienza.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui