L'OMS ha bisogno di $ 31 miliardi per test e vaccini contro il coronavirus


Il denaro necessario per il progetto rappresenta meno del 10% di ciò che l'economia mondiale sta perdendo ogni mese a causa della pandemia. L'unione può salvare vite umane, proteggere i sistemi sanitari e ripristinare l'attività sociale ed economica globale a breve termine, facilitando nel contempo il controllo ad alto livello delle malattie a medio termine.

L'Organizzazione ha pubblicato i piani finanziari per il Covid-19 Accelerator, un'iniziativa che riunisce governi, scienziati, imprese, società civile e filantropi per porre rapidamente fine alla pandemia.

Secondo questo piano, sono necessari 500 milioni di test per i paesi a basso e medio reddito fino alla metà del 2021, 245 milioni di trattamenti e 2 miliardi di dosi di vaccino, il 50% delle quali sarà destinato a questi stati fino al fine 2021.

"Chiaramente, per controllare Covid-19 e salvare vite umane, abbiamo bisogno di vaccini, diagnostica e terapie efficaci in quantità e velocità senza precedenti", ha affermato il direttore dell'agenzia sanitaria delle Nazioni Unite. uniti, Tedros Adhanom Gebreyesus.

Secondo Tedros, è chiaro che tutte le persone sono esposte al rischio di Covid-19, quindi l'accesso a tutti gli strumenti di prevenzione, individuazione e trattamento deve essere uguale.

Gli strumenti sviluppati come parte dell'acceleratore andranno a beneficio di tutti. Salvando vite umane e riducendo gravi malattie legate a Covid-19, contribuiscono all'obiettivo di proteggere i sistemi sanitari e ripristinare l'attività sociale ed economica globale a breve termine e facilitare il controllo delle malattie alto livello a medio termine.

L'OMS riconosce che si tratta di un investimento "importante", ma insignificante rispetto al costo della pandemia. Il Fondo monetario internazionale stima che l'economia globale stia perdendo circa $ 375 miliardi al mese. Inoltre, 468.000 persone hanno già perso la vita.

Parlando alla conferenza dei donatori sabato, il capo dell'organizzazione ha chiesto la collaborazione per garantire la parità di accesso.

"Vaccini, test e medicine sono strumenti vitali, ma per essere veramente efficaci, devono essere somministrati con un altro ingrediente essenziale: la solidarietà", ha detto.



Foto: UNICEF / Nepal

Un operatore sanitario controlla Covid-19 per una ragazza in una clinica per la febbre vicino a un ospedale nel distretto di Saptari, Nepal.

I pilastri dell'iniziativa

L'acceleratore si basa su quattro pilastri, ognuno dei quali acquisterà e fornirà strumenti per garantire l'accesso ai membri dell'iniziativa.

Il pilastro diagnostico è co-guidato da FIND e dal Fondo globale per la lotta contro AIDS, tubercolosi e malaria e mira a salvare nove milioni di vite e prevenire 1,6 miliardi di infezioni in più attraverso il potere di un accesso equo. test semplici, precisi e convenienti.

Con fondi sufficienti, può portare sul mercato due o tre test rapidi di alta qualità, formare 10.000 professionisti della salute in 50 paesi e istituire test per 500 milioni di persone nei paesi a basso e medio reddito. Il suo successo sarà determinato dalla velocità con cui le strategie di screening, test e isolamento possono essere implementate per ridurre al minimo l'interruzione dei servizi sanitari e preparare i paesi all'efficace attuazione di terapie e vaccini quando saranno disponibili.

Il pilastro terapeutico è guidato da Unitaid e Wellcome Trust (a nome del Covid-19 Therapeutic Accelerator) e mira ad accelerare lo sviluppo e l'equa fornitura di cure in tutte le fasi della malattia, garantendo che '' sono accessibili a tutti, indipendentemente dalla geografia e dal livello delle risorse economiche. Si concentra sullo sviluppo, produzione, acquisto e distribuzione equa di 245 milioni di trattamenti per le persone nei paesi a basso e medio reddito per un periodo di 12 mesi.

Il pilastro del vaccino combina la leadership dell'EPI nello sviluppo e negli investimenti nella produzione di vaccini con il track record di GAVI nella rivoluzione dell'accesso e dell'offerta e la supervisione dell'OMS sulle normative , politica e allocazione.



Foto: PAHO / Joshua Cogan

Un operaio di laboratorio verifica un antibiotico. Foto PAHO / Joshua Cogan

Il suo ruolo è garantire che i vaccini vengano sviluppati il ​​più rapidamente possibile, prodotti nei giusti volumi senza compromettere la sicurezza e consegnati a coloro che ne hanno maggiormente bisogno. La stima attuale di due miliardi di dosi erogate entro la fine del 2021, supponendo che un vaccino sicuro ed efficace sarà sviluppato nel prossimo futuro, è di $ 18 miliardi.

Inoltre, 950 milioni di dosi dovranno essere acquistate da paesi ad alto e medio-alto reddito autofinanziati attraverso il meccanismo COVAX.

Secondo l'OMS, queste cifre diventeranno più chiare una volta che avremo compreso meglio, tra le altre cose, la tecnologia su cui si baseranno i vaccini candidati e il numero di dosi necessarie per proteggere le persone da Covid-19.

Il connettore dei sistemi sanitari è il quarto pilastro dell'acceleratore ed è compatibile con gli altri tre garantendo che i sistemi sanitari locali e le reti comunitarie possano sfruttare appieno questi e altri strumenti essenziali nella loro lotta contro COVID- 19.

Questo pilastro è guidato dalla Banca mondiale e dal Fondo globale per la lotta contro l'AIDS, la tubercolosi e la malaria e sostenuto dall'OMS.

Mira a sviluppare capacità, quali capacità di laboratorio, formazione del personale di laboratorio e sanitario e gestione dei dispositivi di protezione per gli operatori sanitari, necessarie per implementare efficacemente i nuovi strumenti quando 'saranno pronti.

Sta inoltre lavorando su innovazioni di sistema per completare l'implementazione di prodotti, come il tracciamento dei contatti, le distanze e gli approcci di isolamento sociale, nonché il coinvolgimento della comunità necessario per mantenerli. La sicurezza sanitaria globale e la lotta contro l'HIV / AIDS dipendono ora dal rafforzamento dei sistemi sanitari in tutto il mondo.



Foto: UNDP Turchia / Levent Kulu

Un operatore sanitario presso un centro di test raccoglie campioni per il coronavirus presso l'ospedale statale Mimar Sinan nel distretto di Buyukcekmece di Istanbul, in Turchia.

Progresso della vaccinazione

Soumya Swaminathan, capo scienziato dell'Organizzazione mondiale della sanità, ha dichiarato venerdì che attualmente ci sono più di 200 candidati al vaccino, di cui 15 in studi clinici.

"Sarebbe il vaccino più veloce della storia, che normalmente richiederebbe cinque anni, ma oltre ad accelerare lo sviluppo, dobbiamo accelerare la capacità di produzione. In un normale processo, controlliamo prima che il vaccino funzioni, quindi investiamo nella produzione e ci vogliono altri due anni per produrre le dosi. Ma non abbiamo tempo, quindi dobbiamo investire ora in modo da poter avere rapidamente milioni o miliardi di dosi ", ha detto.

Interrogato dai giornalisti sul vaccino sviluppato in Cina, ha dichiarato di essere in trattative con le aziende per includerlo nell'iniziativa Accelerator.

Swaminathan ha sottolineato che da un punto di vista etico, poiché Covid-19 colpisce tutti, tutti dovrebbero avere il diritto al vaccino.

"Abbiamo bisogno che i paesi impegnino le proprie risorse nell'iniziativa COVAX (un meccanismo proposto dal partenariato GAVI e OMS), che riunisce diversi candidati e riduce il rischio di investimento, pur potendo soddisfare la domanda futura" lei disse.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui