Proteste dopo la morte di George Floyd: le Nazioni Unite chiedono moderazione e investimenti nella coesione sociale



L'indignazione per le proteste è iniziata dopo un videoclip di un poliziotto bianco della città di Minneapolis (città degli Stati Uniti del Midwest) in ginocchio per più di otto minuti sui social media la scorsa settimana. il collo di George Floyd, un afroamericano di 46 anni in cui appare senza vita, morendo per mano della polizia.

Decine di migliaia di persone sono scese nelle strade di diverse città degli Stati Uniti per esprimere il loro sdegno in generale in modo pacifico. Ma la violenza di alcuni manifestanti contro la polizia ha anche portato a saccheggi diffusi e tattiche di polizia sempre più violente utilizzate in diverse città americane.

"Il mio cuore è spezzato nel vedere violenza nelle strade del nostro paese ospitante (gli Stati Uniti) e della nostra città ospitante, New York", ha detto Martedì sera il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres. account twitter.

"Le lamentele devono essere ascoltate, ma devono essere espresse pacificamente – e le autorità devono esercitare moderazione nel rispondere alle proteste", ha aggiunto Guterres.

Il segretario generale ha ricordato che "in ogni società, la diversità è un vantaggio, mai una minaccia". "Il razzismo è un orrore che tutti noi dobbiamo respingere", ha dichiarato il capo delle Nazioni Unite.

Una dichiarazione condivisa, lo stesso giorno, dal capo dei diritti umani delle Nazioni Unite. “Abbiamo tutti la responsabilità di combattere il razzismo. Covid-19 o no, invito tutti a prendere una posizione, parlare e porre fine al razzismo ovunque si verifichi ", ha affermato l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet, sul suo account Twitter, che la scorsa settimana ha condannato la morte di George Floyd per mano della polizia.

LEGGI ANCHE | Stati Uniti: la morte della polizia disarmata afroamericana uccisa deve finire (ONU)

A partire da venerdì, il segretario generale delle Nazioni Unite aveva già lamentato su Twitter che "il razzismo continua a prevalere nelle nostre società". "Dobbiamo alzare la voce contro tutte le espressioni di razzismo e casi di comportamento razzista. Dobbiamo urgentemente smantellare le strutture razziste e riformare le istituzioni razziste ", ha affermato Guterres sul social network.

Lotta al razzismo investendo nella coesione sociale

Martedì il capo delle Nazioni Unite ha invitato i leader di tutti i settori della società a "investire nella coesione sociale" affinché ciascun gruppo si senta valorizzato. "Significa combattere la disuguaglianza e la discriminazione, rafforzare il sostegno ai più vulnerabili e offrire opportunità a tutti", ha dichiarato Guterres su Twitter.

In una conferenza stampa di martedì, il portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite ha sottolineato che tali investimenti nella coesione sociale comprendono "anche la necessità di affrontare possibili aree di discriminazione e razzismo". “Il governo nazionale deve essere mobilitato. Le autorità locali devono essere mobilitate, la società civile, le organizzazioni basate sulla fede, il settore privato, essenzialmente la società nel suo insieme ", ha detto il portavoce in risposta a una domanda di un giornalista.

"La morte di George Floyd per mano della polizia è un altro promemoria che il razzismo – e tutte le forme di discriminazione basate su religione, etnia, colore o sesso – è anche una pandemia", ha detto da parte sua, ha affermato Miguel Ángel Moratinos, l'alto rappresentante dell'Alleanza delle civiltà delle Nazioni Unite.

"Possiamo superarlo solo con una sola umanità", ha dichiarato martedì il capo della piattaforma delle Nazioni Unite responsabile della promozione del dialogo, della comprensione e della cooperazione interculturali su Twitter.

Una morte che rivela le disuguaglianze che colpiscono le persone di colore

Manifestazioni contro la morte di George Floyd si svolgono sullo sfondo della crisi sanitaria del coronavirus. Martedì, il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite ha messo in luce l'impatto devastante della pandemia di Covid-19 sulle persone di origine africana e su quelle appartenenti a minoranze etniche.

"Questo virus evidenzia disuguaglianze endemiche che sono state trascurate per troppo tempo", ha detto Michelle Bachelet. "Negli Stati Uniti, le proteste scatenate dall'assassinio di George Floyd evidenziano non solo la violenza della polizia contro le persone di colore, ma anche le disparità in termini di salute, istruzione, occupazione e discriminazione razziale endemico ", ha aggiunto l'Alto Commissario.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui