RDC: ONU preoccupata per il rinnovato attacco da parte di gruppi armati nel paese orientale



“Nonostante l'urgenza di gestire la pandemia di Covid-19, MONUSCO si sforza di adattarsi ai vincoli, nel rispetto delle raccomandazioni sulla salute, al fine di continuare le sue azioni per proteggere i civili e il supporto Le forze di sicurezza congolesi ", ha detto Leila Zerrougui, che è a capo della Missione delle Nazioni Unite nella RDC (MONUSCO). "Più che mai, le autorità nazionali e provinciali hanno bisogno del sostegno di tutti i partner per far fronte".

Le forze armate della RDC (FARDC) sono attualmente impegnate su più fronti in operazioni complesse e pericolose, con il sostegno di MONUSCO.

A Ituri, dove i territori di Djugu e Mahagi sono stati teatro di omicidi contro la popolazione civile per diversi mesi, MONUSCO ha aumentato le sue pattuglie nelle aree più vulnerabili, tra cui
Campi IDP e lungo la National Route 27, e ha appena rafforzato la sua presenza militare attorno a Fataki, ha dichiarato la missione delle Nazioni Unite in un comunicato stampa.

Supporto logistico ai soldati congolesi

MONUSCO ha anche intensificato il suo supporto logistico ai soldati congolesi, in particolare per quanto riguarda l'evacuazione medica dei soldati feriti, nonché i voli di ricognizione, in particolare per consentire
le FARDC per localizzare i combattenti armati. La missione delle Nazioni Unite continua anche a documentare le violazioni dei diritti umani nella RDC e chiede agli autori di questi gravi crimini di non rimanere impuniti.

Nella provincia del Kivu meridionale, dove le tensioni negli Altipiani sono peggiorate nelle ultime settimane, MONUSCO ha schierato diverse basi avanzate a sostegno delle FARDC, un'azione che ha contribuito a contenere la situazione e limitare l'azione dei gruppi armato fino a un certo punto, in particolare a Bijombo, Mikenge e Minembwe. Oltre all'intelligenza tattica e al supporto aereo, la Missione facilita logisticamente lo spiegamento dei rinforzi delle FARDC, il trasporto di attrezzature e l'evacuazione medica.

Nelle ultime settimane, le forze di pace hanno anche contribuito a salvare centinaia di vite durante le alluvioni mortali di Uvira.

Infine, nel Nord Kivu, la Missione continua a sostenere le FARDC nella loro lotta contro l'ADF, che continua ad attaccare la popolazione civile nel tentativo di scoraggiare le operazioni in corso contro le loro posizioni.

Il rappresentante speciale ha ribadito la necessità di proseguire gli sforzi di stabilizzazione seguendo un approccio globale: da un lato, fermezza e massima pressione su coloro che si rifiutano di arrendersi, dall'altro, l'istituzione di meccanismi pacifici di risoluzione conflitti accompagnando il ripristino delle funzioni sovrane dello Stato, a beneficio delle popolazioni.

Ha inoltre osservato che il sostegno delle popolazioni alle loro istituzioni, in particolare alle loro forze armate, è stato essenziale per il successo delle operazioni in corso contro i gruppi armati. "Non c'è futuro se non nell'unità, e invito tutti i congolesi a non cadere nelle trappole poste da coloro che suscitano l'odio della comunità nel loro unico interesse ea spese dei più vulnerabili", un lei disse.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui