Siria, Yemen, Camerun, Filippine: appello a un cessate il fuoco delle Nazioni Unite ascoltato dai belligeranti



"La furia con cui il virus uccide mostra che andare in guerra è una follia. Questo è il motivo per cui oggi chiedo un cessate il fuoco immediato in qualsiasi parte del mondo ", ha dichiarato Guterres lunedì in una conferenza stampa virtuale da New York.

La pandemia di Covid-19 che ha lasciato la Cina a dicembre ha finora contagiato oltre 523.000 persone in tutto il mondo e ucciso oltre 23.000. Il virus è stato rilevato in almeno 171 paesi. Il maggior numero di casi è stato registrato attualmente in Cina, Stati Uniti, Italia e Spagna.

Il portavoce del segretario generale ha accolto con favore la dichiarazione resa il 24 marzo dalle forze democratiche siriane (SDF) che esprimono sostegno alla chiamata del segretario generale e annunciano il loro impegno a non impegnarsi in un azione militare. La SDF è una coalizione militare dominata dai curdi e sostenuta dalla coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

"Il segretario generale invita le altre parti in conflitto siriane a sostenere il suo appello", ha affermato il suo portavoce, Stéphane Dujarric.

Risposte positive in Yemen

Sullo Yemen, l'inviato speciale del segretario generale per quel paese, Martin Griffiths, ha detto che è stato incoraggiato giovedì a vedere risposte positive, sia da parte del governo dello Yemen che dei ribelli Houthi, all'appello del segretario generale a un cessate il fuoco.

"Mi aspetto che le parti mantengano la parola e rendano prioritari gli interessi del popolo yemenita", ha affermato. Li ha chiamati a una riunione di emergenza per discutere su come tradurre in pratica i loro impegni.

Un cessate il fuoco temporaneo da parte di un gruppo armato in Camerun

Il portavoce del segretario generale ha inoltre accolto con favore il cessate il fuoco temporaneo annunciato il 25 marzo dalle forze di difesa del Camerun meridionale (SOCADEF) coinvolte nella crisi nelle regioni di lingua inglese del paese. "Il segretario generale invita altri gruppi armati a fare altrettanto", ha affermato.

"Il segretario generale ribadisce la sua richiesta di un rinnovato dialogo che affronterà tutte le questioni rilevanti nelle regioni nord-occidentali e sud-occidentali del Camerun e che metterà fine alla violenza e alla sofferenza umana", ha affermato Stéphane Dujarric.

Per quanto riguarda le Filippine, il portavoce del Segretario generale ha accolto con favore il cessate il fuoco temporaneo annunciato dal Partito comunista delle Filippine con il governo filippino il 24 marzo.

"Il segretario generale incoraggia le parti a raggiungere una soluzione politica duratura e a porre fine a questo conflitto di lunga data", ha dichiarato Dujarric in un comunicato stampa rilasciato mercoledì.

Chiede il cessate il fuoco in Africa centrale

Nella Repubblica centrafricana, il rappresentante speciale del segretario generale in quel paese, Mankeur Ndiaye, mercoledì ha esortato tutte le parti dell'accordo di pace di febbraio 2019 "a garantire l'efficacia del cessate il fuoco su tutta la linea del territorio nazionale per preservare la Repubblica centrafricana da Covid-19 e le sue conseguenze dannose ”.

"Il popolo della Repubblica Centrafricana ha sofferto troppo per le tensioni e la violenza. Pertanto, i gruppi armati hanno l'obbligo di rispettare gli impegni assunti nel quadro dell'accordo di pace, con l'immediata cessazione della violenza in tutto il territorio dell'Africa centrale ", ha affermato Ndiaye.

Anche il rappresentante speciale del Segretario generale per l'Africa centrale, François Louncény Fall, ha chiesto giovedì un cessate il fuoco generale nella regione.

"Vorrei invitare tutte le parti in conflitto in Africa centrale, in particolare in Camerun, Repubblica centrafricana, Repubblica democratica del Congo e Ciad, a osservare senza indugio un cessate il fuoco per consentire una rapida attuazione ed efficaci strategie nazionali per rispondere alla pandemia ", ha affermato in un comunicato stampa.

"Dobbiamo ora combattere insieme questo flagello che non risparmia né i partiti belligeranti, né le popolazioni civili né i leader politici", ha aggiunto.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui