Svizzera: far fronte all'impatto di Covid-19 sulla salute mentale



"Le implicazioni per la salute mentale di ciò che sta accadendo durante questa pandemia per le persone oggi e domani sarà un vero problema in generale", ha dichiarato Konstantinos Petsanis. "In generale, per molte persone, lo stress provoca molti problemi", ha detto.

Un neurologo addestrato, il Dr. Petsanis, di origine greca, è specializzato in disturbi cognitivi generali e demenza e attualmente lavora a La Chaux-de-Fonds, Svizzera. Dall'inizio della pandemia di Covid-19, tuttavia, è stato ridistribuito, aiutando nelle emergenze e selezionando potenziali pazienti. Il medico ha visto segni premonitori di salute mentale in tutta la popolazione.

"Il semplice fatto che qualcuno si chieda se sia positivo per il nuovo coronavirus è come uno stigma e qualcosa che minaccia la sua vita … e che influenza, ovviamente, il suo comportamento", ha detto. "Sappiamo molto bene che il panico porta a cattivi comportamenti e problemi psicosomatici, e che questo porta a problemi somatici molto, molto facilmente, e dobbiamo essere attenti e delicati nel modo in cui gestiamo questo", ha insistito il neurologo.

Ansia, disoccupazione e crescente incidenza di malattie cardiache

Il primo caso di Covid-19 in Svizzera è stato identificato alla fine di febbraio. Un mese dopo, il numero totale di casi era aumentato a quasi 9000. La Svizzera si trova ora sul pendio verso il basso della curva Covid-19. L'ultimo conteggio dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha rivelato solo 50 nuovi casi al giorno. E il 3 giugno, l'agenzia delle Nazioni Unite ha segnalato 30.788 casi confermati in Svizzera, tra cui 1.656 morti.

Nonostante la diminuzione del numero di casi, il Dr. Petsanis avverte della particolarità di alcuni fattori di stress per tutti questi operatori sanitari in prima linea nella lotta contro il nuovo coronavirus. “Se dobbiamo trattare con persone in stato di panico, dobbiamo essere ben supportate. In questo, lo stress è ovviamente raddoppiato ", ha osservato. "Abbiamo a che fare con persone che alla fine hanno il coronavirus, ma dobbiamo rimanere calmi, passare attraverso i criteri e le regole e non trasmettere il nostro stress al paziente".

Più in generale, i paesi affrontano ora un'ulteriore minaccia: un lungo periodo di instabilità economica. A questo proposito, il Dr. Petsanis ricorda che la disoccupazione durante e dopo la Grande Depressione ha portato ad un aumento dell'incidenza delle malattie cardiache. “Prima della seconda guerra mondiale abbiamo avuto così tanto stress che troppe persone avevano una cardiopatia reumatoide correlata alla disoccupazione. In realtà, non era solo la correlazione, la causalità era stabilita. Sappiamo che lo stress uccide, innanzitutto perché causa due cose, un vasospasmo nel sistema vascolare e l'immunosoppressione, che sopprime il sistema immunitario ", spiega.

La chiamata di António Guterres su Time Magazine

In una rubrica recentemente pubblicata su "Time Magazine", il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, ha sottolineato l'impatto cumulativo di stress, angoscia e ansia. "Se non agiamo ora per soddisfare le esigenze di salute mentale della pandemia, le conseguenze a lungo termine saranno enormi per le famiglie, le comunità e le società", ha affermato il Segretario Generale.

Le Nazioni Unite hanno sollecitato i governi di tutto il mondo a prendere sul serio le conseguenze sulla salute mentale e garantire l'ampia disponibilità di aiuti per la salute mentale. Da parte sua, l'OMS ha pubblicato linee guida per le comunità … e persino un libro per bambini.

In conclusione, il Dr. Petsanis spera in un cambiamento. Vorrebbe vedere maggiori investimenti nelle strutture sanitarie e nella stessa assistenza sanitaria. "Pertanto, avremo meno errori medici, meno problemi negli ospedali, meno stress e panico", ha osservato, affermando che "questo periodo di coronavirus è un grande allarme, un segnale di allarme di investire nelle capacità umane ”.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui