Tubercolosi: rafforzare la prevenzione per salvare milioni di vite (OMS)


"Covid-19 evidenzia la vulnerabilità delle persone con malattie polmonari e sistema immunitario indebolito", ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS.

“Il mondo è impegnato a porre fine alla TB entro il 2030; migliorare la prevenzione è essenziale per raggiungere questo obiettivo. Milioni di persone devono essere in grado di prendere un trattamento preventivo per la tubercolosi per fermare l'insorgenza della malattia, evitare la sofferenza e salvare vite umane ", ha aggiunto.

Si stima che un quarto della popolazione mondiale sia infetto dal bacillo della tubercolosi. Queste persone non sono né malate né contagiose. Tuttavia, sono più a rischio di sviluppare la malattia, in particolare quelli con immunità indebolita. Fornire loro un trattamento preventivo per la tubercolosi non solo li proteggerà dalla malattia, ma ridurrà anche il rischio di trasmissione nella comunità.

Covid-19 evidenzia la vulnerabilità delle persone con malattie polmonari e sistema immunitario indebolito – Dott. Tedros, Direttore Generale dell'OMS

Nella giornata mondiale della tubercolosi, l'agenzia delle Nazioni Unite ricorda che la malattia rimane la principale causa di morte infettiva nel mondo. Nel 2018, 10 milioni di persone si sono ammalate di tubercolosi in tutto il mondo e 1,5 milioni di persone hanno perso la vita a causa di questa malattia.

Il dottor Tedros ha sottolineato l'importanza di proseguire gli sforzi per affrontare i problemi di salute di lunga data, inclusa la tubercolosi nelle epidemie globali come Covid-19.

Allo stesso tempo, i programmi già in atto per combattere la tubercolosi e altre importanti malattie infettive possono essere utilizzati per rendere la risposta a Covid-19 più efficace e più rapida.

La tubercolosi rimane il killer numero uno delle persone con HIV. Il trattamento preventivo della tubercolosi funziona in sinergia con la terapia antiretrovirale per prevenire la tubercolosi e salvare vite umane.



UNDP Tuvalu / Aurélia Rusek

Un paziente di 25 anni con tubercolosi viene curato a casa a Funafuti, l'isola principale di Tuvalu, nel Pacifico.

Nuove linee guida

Le nuove linee guida consolidate raccomandano una serie di approcci innovativi per espandere l'accesso al trattamento preventivo della tubercolosi.

L'OMS raccomanda pertanto di estendere il trattamento preventivo per la tubercolosi alle popolazioni più a rischio, in particolare i contatti familiari dei pazienti affetti da tubercolosi, le persone che vivono con l'HIV e altre persone a rischio la cui immunità è "indebolita" o che vivono in luoghi affollati.

Allo stesso modo, l'agenzia delle Nazioni Unite raccomanda di integrare i servizi di trattamento preventivo della tubercolosi negli attuali sforzi per trovare casi di tubercolosi attiva. Si raccomanda che tutti i contatti familiari dei pazienti affetti da tubercolosi e le persone che vivono con l'HIV siano sottoposti a screening per la tubercolosi attiva. Se si esclude la tubercolosi attiva, devono essere iniziati al trattamento preventivo della tubercolosi.

Ora è il momento di agire: la dott.ssa Tereza Kasaeva, direttore del Programma mondiale per la tubercolosi dell'OMS

Altre raccomandazioni dell'OMS includono l'uso di un test cutaneo alla tubercolina o un test di rilascio di interferone-gamma (IGRA) per verificare l'infezione da tubercolosi. Inoltre, l'OMS sta proponendo nuove opzioni più brevi per la terapia preventiva, oltre all'isoniazide giornaliero di 6 mesi ampiamente utilizzato.

"Mentre le persone di tutto il mondo si riuniscono per commemorare la Giornata mondiale della tubercolosi, l'OMS invita governi, comunità colpite, organizzazioni della società civile, operatori sanitari, donatori, partner e l'industria di unire le forze e intensificare la lotta contro la tubercolosi – in particolare per le cure preventive – in modo che nessuno rimanga indietro ", ha affermato la dott.ssa Tereza Kasaeva, direttore del Programma mondiale per la tubercolosi dell'OMS .

“La nuova guida dell'OMS sta mostrando la strada da percorrere in modo che milioni di persone possano accedere rapidamente a nuovi strumenti e opzioni più brevi e più sicure per il trattamento preventivo. È ora di agire adesso ", ha aggiunto.

Il trattamento preventivo della tubercolosi è un intervento economico che può impedire alle famiglie di cadere nella povertà e preservare la salute e l'economia di intere comunità.

L'OMS prevede che, man mano che nuovi farmaci più sicuri colpiranno il mercato e i prezzi scenderanno, questo trattamento diventerà un modo molto conveniente per salvare milioni di vite.



Articolo tradotto per la comunità italiana, potete trovare l’articolo originale qui